Testimonianze

UN NECESSARIO CAMBIO DI PASSO

(Posted on www.grappon.blogspot.com 06.12.2014)
IL VALORE DELLA GRAPPA


Trovare conferma in quello che da tempo si sostiene fa piacere e inorgoglisce.

Quando una delle principali riviste del settore (L’Assaggio del Centro Studi Assaggiatori) riporta la necessità ormai pressante per le distillerie italiane (quelle sopravvissute a leggi canaglia, vedasi l’aumento delle accise per il 2015) di confrontarsi, di unire le loro specificità e le loro ambizioni, affrontando una volta per tutte le difficoltà del mercato attraverso la costituzione di consorzi, con studi e investimenti importanti nel marketing e nella comunicazione. 
Avendo davanti un obiettivo molto chiaro: allargare il target dei potenziali clienti. 

Il primo obiettivo devono essere i giovani ai quali deve essere raccontato il valore che possono trovare dentro un bicchiere di grappa. Al consumo consapevole e ragionato si devono accompagnare i valori edonistici, le tradizioni, le culture delle nostre terre. Campagne pubblicitarie pressanti rendono oggi  i ragazzi prede inconsapevoli del consumo di spirits di scarso valore qualitativo ma preferiti perché trendy.
 
Auspichiamo una nuova via per questo prodotto unico del Made in Italy, dove il marketing   dovrà avere un ruolo predominante nel creare riconoscibilità, credibilità e attrazione verso un nuovo brand che risponderà al nome di grappa. 

Solo allora, dal Ponte di Bassano del Grappa alla Valpolicella, dalle Langhe Piemontesi alla alture della Carnia, dalla Franciacorta alle vallate del Chianti, dalla Sicilia alla Lucania, le nostre distillerie e le nostre grappe supereranno i confini nazionali, con un nuovo spirito rinvigorito, da primi della classe.

Da “L’Assaggio”, Autunno 2014, numero 47

“…Cenerentola o Biancaneve? Il ricco e affascinante prodotto italiano ha saputo aumentare sempre più la sua bellezza e la sua qualità. E’ giunta l’ora del bacio del principe per portarlo alla ribalta in Italia e nel mondo. 
 
Corre l’anno 2014, il mercato degli spirits altalena tra mode passeggere, regressioni e guadagni di terreno, in questo contesto la grappa si mantiene solida e radicata tra i consumatori italiani, pur non segnando grandi esplosioni o passi briosi. Il miglioramento qualitativo registrato e gli sforzi svolti dai produttori sia nel campo tecnologico sia in quello sensoriale, sia sul piano della comunicazione sono però enormi. La grappa è sempre più buona e sempre più bella, i produttori e gli operatori del settore lo sanno. Sarà dunque indispensabile identificare i valori del prodotto.
 
L’immagine che ne emerge è quella di una grappa ricca, ma libera da eccessi a livello sensoriale, che vulve liberarsi delle eccessive manipolazioni subite in passato e al tempo stesso dalle inutili banalizzazioni, una grappa capace di intrigare e stimolare, ma non difficile da capire, che attragga attraverso il packaging e che possa essere compresa anche all’estero, laddove i distillatori intravedono ancora un mercato vergine, ancora libero da precondizionamenti. Una grappa italiana per gli italiani e made in Italy per il mondo.
 
Una grappa solida in Italia e aperta verso l’estero che supportata da strategie di marketing vuole tornare ad avvicinarsi ai giovani. Molti sono i produttori che effettuano studi di mercato e vi è anche chi auspica e organizza la nascita di collaborazioni e sinergie tra le aziende, di coesione nelle strategie di marketing anche attraverso la realizzazione di eventi e operazioni di comarketing con altri prodotti.
Un sentimento e un bisogno di concertazione tanto sentito che molti hanno voluto annunciare la nascita di un vero e proprio Consorzio per la Tutela e la Promozione dell’Indicazione Geografica Grappa. Non manca infine il desiderio di una migliore collaborazione da parte delle istituti statali…”

Poi ci siamo noi, con il nostro incessante lavoro di promozione sulle pagine di questo blog e sulla nostra pagina Facebook. Non possiamo e non vogliamo fermarci qui, le sinergie che stiamo portando avanti da qualche tempo (leggasi A.n.a.g. Veneto) puntano a far diventare questo blog il collettore di tutte le esperienze che gli appassionati e le distillerie vorranno condividere.


Vogliamo stare al passo con i tempi e vogliamo farlo insieme a voi.


Testo: Zanoni Marco
Previous Post Next Post

You Might Also Like

No Comments

Leave a Reply