Browsing Tag

alambicco

Storia

STORIA DELL’ALAMBICCO

243

Già in epoca assai remota gli antichi Egizi utilizzarono gli alambicchi per la produzione di essenze e profumi. Uno dei più antichi è la Crisopea di Cleopatra. I primi alambicchi perfezionati risalgono al 50 a.C. mentre nel primo secolo d.C. secondo quanto racconta lo storico Sinesio, Dioscoride Cilicio utilizzò uno strumento denominato “Ambic”. Sempre per la loro forma, gli altri apparecchi di distillazione medioevali erano denominati: lo struzzo, l’oca, l’orso, i gemelli. La distillazione con riscaldamento indiretto nacque nel Medioevo. Alla fiamma viva furono sostituiti bagni di sabbia o di limatura di ferro, pensando che questi, conferissero particolari virtù al distillato:

• Nel XIII secolo Abu Moussah Al-Soli descrisse la distillazione delle spezie per via secca con alambicchi in gres verniciato;
• Nel XV secolo Giovanni Michele Savonarola nel suo “De conficienda acqua vitae” forse il primo trattato sulla distillazione, scrisse anche della funzione del refrigerante;
• Nel 1608 Gian Battista Porta nel “De Distillatione” scrisse dell’uso dell’aria per ottenere distillati più ricchi di alcol e inventa l’idra a sette teste, un distillatore multiplo dove in ogni sezione si ottiene un liquido diverso. Si tratta del primo deflemmatore-rettificatore della storia;
• Rodolfo Glauber, razionalizza la costruzione e l’uso del refrigerante ad acqua (1658) e costruisce un deflemmatore orizzontale che consente di ottenere distillati più puri e di grado alcolico più elevato;
• Nel 1773 Boerhaave descrive un deflemmatore che è considerato il progenitore delle moderne colonne di distillazione;
• Nel 1801 Edoardo Adam costruì un apparecchio che gli consentì di ottenere acquavite ad alto grado alcolico con una sola distillazione;
• Nel 1806 Isacco Berard costruisce un cilindo orizzontale che può essere considerato il precursore delle attuali colonne distillatrici;
• In Italia il Comboni è il primo a progettare una caldaia in cui le vinacce sono separate dall’acqua per mezzo di un falso fondo: con ciò ha inizio la distillazione a vapore. Comboni detiene altresì il primato della applicazione del vuoto alla distillazione;
• Nascono i primi alambicchi mobili che per motivi fiscali non avranno una grande diffusione;
• Nel 1886 Da Ponte, famoso costruttore di apparecchi per la distillazione delle vinacce, costruisce un ingegnoso alambicco con un meccanismo di deflemmazione ad aria.

 FONTI:
– Grappa, Analisi Sensoriale & Tecnologica, Centro Studi Assaggiatori (Odello, Giomo, Versini, Zironi), L’Assaggio;
– Grappa, tra Assaggi e Alambicchi, Centro Studi Assaggiatori, (Odello), L’Assaggio;
– La Grappa e il suo mondo tra passato e presente, Edizioni del Laboratorio (Goi, Odello);
– Il Piacere della Grappa, Giunti, (Giuseppe Lo Russo)