Browsing Category

Eventi & Degustazioni

40 GRADI DI GUSTO, Cronache di Grappa, Eventi, Interviste

GIAN NICOLA LIBARDI E LE NOTTI DI…STILLATE

Incontrare Gian Nicola è davvero un grande piacere. L’occasione è unica, Notti Di…stillate è un progetto che a noi di PassioneGrappa è piacuto sin da subito. La seconda edizione è già partita, due tappe che hanno visto il pienone nei locali dove Gian Nicola ha portato la sua esperienza e la sua bravura con shaker e ingredienti di prim’ordine.

E’ la  Passione che lo guida, lo si capisce dalle risposte a questa breve intervista ma sopratutto nei suoi video che testimoniano quanto sia importante e gradito il riscontro di pubblico.

La grappa è al centro delle sue creazioni, una splendida via per promuovere il distillato che tutti noi abbiamo a cuore.

Gian, la tua passione nasce da lontano. Impegno, ricerca e…miscelazione. Ma quanto ti piace il tuo lavoro?! Inanzitutto grazie per questa chiacchierata virtuale con il mondo di PassioneGrappa. La mia esperienza e’ iniziata all’età di sedici anni, lavorando durante le stagioni estive, approfittando della vocazione turistica della mia zona Levico Terme in Trentino. Ho alternato un lungo periodo della mia vita, lavorando l’estate e passando il resto dell’anno all’estero, specialmente in Asia esperienza che mi ha regalato un grosso bagaglio culturale e una visuale lavorativa aperta. Mi sono subito innamorato di questo lavoro così pieno di relazioni e così ricco di cose da imparare ogni giorno.

Da dove nasce l’idea di Notti Di…stillate e quanta soddisfazione ti sta dando questo progetto? Sono un viaggiatore, e avevo un sogno:  “girare l’Italia con uno shaker in mano” , una cosa che mettesse insieme due delle grandi passioni della mia vita e da li le idee hanno preso corpo. “Notti di…stillate” è un format itinerante giunto alla sua seconda edizione, che di locale in locale racconta lungo tutta la penisola l’utilizzo in miscelazione di liquori, e distillati di montagna proposti insieme ai prodotti più’ accattivanti del momento. Il taglio di questa avventura però non voleva essere prettamente professionale, infatti i video che scandiscono le date del tour mostrano anche l’aspetto umano, raccontano i luoghi, le persone, le tradizioni. Sembra che le persone abbiano apprezzato questo approccio e la cosa ci fa molto piacere.

La Grappa è al centro delle tue sperimentazioni. Ti piace valorizzare questo prodotto tipico del tuo territorio? Il tutto è cominciato nei due anni che hanno segnato l’esperienza nel Drink Team di Bargiornale, lo storico mensile italiano dedicato al mondo del bar. Per la preparazione delle ricette ho sempre promosso le eccelleze territoriali della mia regione quindi grappa, i distillati di frutta, vini e spumanti, liquoristica di montagna. Il fatto che ognuno usi i propri prodotti territoriali in un contesto di questo genere aiuta a far conoscere l’immenso tesoro di prodotti che l’Italia può’ vantare, una ricchezza che per certi versi è ancora inesplorata.

Hai trovato pieno supporto da Roner e Marzadro, importanti partner di questo progetto? Roner e Marzadro sono due aziende storiche che offrono dei prodotti di grande qualità e che sono ambasciatrici nel mondo dei prodotti della tradizione dell’arco alpino, hanno appoggiato questo progetto e insieme cerchiamo di fare cultura sull’utilizzo e la conoscenza di questi prodotti anche in miscelazione.

Le prossime tappe del tour? Quest’anno il tour e’ partito dall’Argot di Roma per poi arrivare in gennaio al QuantoBasta di Lecce e in Toscana al Franklin 33. Il 2 febbraio saremo al Rialto di Bologna e molto probabilmente la successiva sarà in Veneto.

Adesso un cocktail con la grappa protagonista per tutti noi appassionati!

Anche più’ di uno!

PEDRO A NEW YORK

3,5 Grappa Giare Amarone Marzadro

1 cl Chartreuse Jaune

1,5 cl Lustau Pedro Ximenez San Emilio

2 dash Scrappy’s Chocolate Bitter

KONKA & KIBUDDHA

3,5 cl Gewurztraminer Roner

3 cl Mulassano vermut extra dry 

1,5 cl sugar salty syrup

1,5 cl lime

crustas di cipolla bruciata

BITTER SWEET SYMPHONY

4,5 cl Ashbach (distillato di vino)

1,5 cl Williams Reserve Roner

1 cl simple Syrup

2 dash Angostura

LUAR

4 cl 18 lune Marzadro

2 cl Carlo Alberto vermut bianco 

1,25 cl sciroppo di sale

3 dash Angostura bitter

Se non l’avevate capito con Gian si fa sul serio! Il consiglio è di andare a conoscerlo di persona nelle sue serate in giro per lo Stivale oppure a Levico, nel suo Tatikakeya Cafè.   Occasioni imperdibili per conoscere e degustare i sapienti cocktail del sake maestro italiano!

Testo: Marco Zanoni

Foto: Gian Nicola Libardi

Cronache di Grappa, Eventi

PREMIO NONINO, QUARANTUNESIMO ANNO

Il 30 gennaio si terrà a Ronchi di Percoto la cerimonia per la consegna del Premio Nonino arrivato alla sua quarantunesima edizione. Si tratta di uno degli eventi più importanti dell’anno in quell’intreccio che lega la letteratura e il mondo della grappa.

Come sosteniamo da tempo la grappa rappresenta una parte fondamentale della cultura dei nostri territori e un premio così prestigioso merita il più ampio risalto sia per la caratura dei membri della giuria (che ricomprende anche dei premi Nobel) sia per la qualità dei premiati di quest’anno (lo scrittore svedese Lars Gustaffson e il sociologo Alain Tourain).

Tra i premiati segnaliamo i vincitori del premio Nonino 2016. Il progetto “Nati per leggere” merita di essere valorizzato e diffuso. Nati per Leggere (NpL), è un programma di promozione della lettura in età precoce. Fondato nel 1999, si basa
su un’alleanza tra pediatri (Associazione Culturale Pediatri), bibliotecari (Associazione Italiana Biblioteche). Ha il suo cuore a Trieste dove ha sede il Centro per la Salute del Bambino – la onlus che gestisce il programma in collaborazione con migliaia di operatori e volontari in tutta Italia. Il cuore del Programma è la lettura in famiglia, intesa come momento di relazione e intimità tra adulto e bambino. Le ricerche dimostrano come quella modalità di relazione tutta speciale che è la lettura condivisa, effettuata dai primi mesi di vita e con continuità, contribuisca in modo molto significativo allo sviluppo cognitivo, linguistico ed emotivo del bambino. Gli studi dimostrano che il cervello ha la massima capacità di sviluppo e di apprendimento nei primissimi anni. Iniziare a leggere quotidianamente ai bambini fin da piccolissimi costituisce non solo un grande fattore di sviluppo ma anche un importante “fattore di protezione” dallo svantaggio socio-culturale e un’opportunità per la costruzione di uno sguardo positivo e curioso sul mondo.In Italia, il progetto si basa sul contributo degli operatori sanitari e in particolare del pediatra di famiglia, la cui continuità e unicità di rapporto con le famiglie garantisce che il messaggio raggiunga tutti i bambini. Il messaggio è rafforzato dai bibliotecari, dagli educatori dei nidi, dagli insegnanti di scuola materna e da oltre 5000 volontari, che vengono formati e coordinati per supportare il programma e soprattutto per sensibilizzare i genitori e sostenerli nella pratica della lettura in famiglia. Il lettore volontario NpL è espressione della sua comunità, cui porta valore attraverso un programma dal grande impatto educativo e sociale. Nati per Leggere ha l’obiettivo di raggiungere tutte le bambine e tutti i bambini e di tutelare il loro “diritto alle storie”, garantendo – anche nelle situazioni più difficili – l’accesso a libri di qualità e a luoghi dedicati. NpL istituisce “Punti Lettura” in aree dove mancano biblioteche con sezioni per bambini, e opportunità per famiglie e bambini di giocare e leggere insieme. Punti Lettura sono stati istituiti a Napoli, in tutta la Campania e in Calabria. NpL è attivo anche nelle carceri, dove lavora sia con i padri che con le madri (Napoli, Milano, Roma) e in molte comunità di immigrati. Da quando è stato istituito, NpL ha fornito supporto anche ad altri Paesi per creare programmi simili: in Catalogna, in Croazia, in Bosnia e in Brasile.

Testo: Marco Zanoni

Eventi, Eventi & Degustazioni, Racconti, Visite alle distillerie

GLI ALAMBICCHI ACCESI DI SANTA MASSENZA

Si sale piano, costeggiando il lago, salendo su per la montagna.
Il paese è a pochi passi, si vedono le case e il campanile della chiesa vestito a festa.
Le viuzze e i cortili risplendono di vita e di colori.
Il profumo dei canederli si fonde con quello del vin brulé mentre i cavalli scalciano allontanando il freddo nella piazza del paese.
 
E’ la notte degli alambicchi accesi.
E’ la notte in cui il paese prende vita e rende omaggio alle sue tradizioni.
Quelle dell’accoglienza, dell’ospitalità e della sua storia millenaria.
Le distillerie sono pronte, il rito della grappa sta per cominciare mentre il profumo delle vinacce arriva e scalda il cuore.
 
Lo spettacolo ha inizio e come ogni anno la compagnia teatrale Koinè, è meravigliosa regista e protagonista.
E’ un errare che coinvolge, un sali e scendi per le strade del paese per raggiungere la meta.
La distilleria.
Ce n’erano tredici anni fa, una in ogni casa.
Quasi.
Quelle che sono rimaste, si fanno scoprire con un’eleganza che non ha pari.
 
Un canto soave ci accoglie e una Muller Thurgau ci ammalia.
La nosiola con i suoi profumi delicati, accompagna l’attrice e il suo alter ego.
E’ un continuo salire, come la grappa di Vin Santo barricata, così morbida che i cinquanta gradi sono solo un dettaglio.
I mastri distillatori, gli alambicchi, l’agricoltura biodinamica, la passione.
La vinaccia, frutto dell’unione degli elementi, ribolle nei contenitori di rame in quel suo viaggio che la trasformerà da vapore a liquido delicato nei bicchieri.
Splendido risultato, sublime distillato di emozioni che sono forti, vere e autentiche come gli abitanti di questo paesino.
 
Si termina in piazza, tutti insieme, i bicchieri si alzano in un grande brindisi appena finita la mescita delle grappe in un’unica ampolla.
E’ il momento culminante dello spettacolo, l’emblema di una tradizione che si tramanda da generazioni.
E’ il momento che racchiude in questo ultimo atto, tutta la passione e la vocazione di questa terra straordinaria.
 
Santa Massenza, ancora una volta, uno spettacolo meraviglioso.
Testo e Foto: Marco Zanoni

 

Degustazioni, Eventi, Eventi & Degustazioni, news, Visite alle distillerie

DISTILLERIE E GRAPPERIE APERTE

Domenica 4 ottobre sarà una giornata memorabile per tutti gli appassionati e gli amanti della Grappa.

Le distillerie aprono le loro porte, pronte a farvi scoprire i loro migliori prodotti, le loro tradizioni millenarie e la loro arte distillatoria.

Per l’edizione di quest’anno intendiamo essere ancora più presenti e partecipativi – spiega il Presidente dell’Istituto Nazionale Grappa Elvio Bonollo – e vorremmo che il pubblico di Expo, il quale può avere un assaggio del nostro lavoro al Salone della Grappa realizzato all’interno del padiglione “Vino A taste of Italy”, non si fermasse al mero assaggio ma scegliesse di venire a conoscerci più da vicino, nelle nostre aziende, in quello che è il nostro mondo. Sarà una opportunità imperdibile per entrambi – prosegue Bonollo – per loro di fare una esperienza nuova e interessante, per noi di valorizzare le peculiarità delle varie tipologie di grappa e quel legame che essa testimonia di avere con i vari territori, raccontando non solo come nasce ma anche la storia che mettiamo in ogni goccia di distillato, in quel misto di passione, arte e appassionato – anche se duro – lavoro che riesce a trasformare la vinaccia in un capolavoro sensoriale“.

Parteciperemo anche noi all’evento. Quest’anno con un pizzico di tristezza nei nostri cuori per la recente scomparsa del Presidente di Anag Veneto Robert Padoan. Ma siamo certi che Robert sarà al nostro fianco, pronto a degustare la sua grappa e con quel suo accento francese che sarà impossibile dimenticare.

Sulla nostra pagina Facebook troverete alcune delle distillerie partecipanti con i propri eventi preparati per l’occasione. Per l’elenco completo vi rimandiamo al sito dell’Istituto Nazionale Grappa.

Buona Grappa a tutti!

Testo: Marco Zanoni

Foto provenienti dai siti di alcune distillerie partecipanti

Degustazioni, Eventi, Eventi & Degustazioni

LA GRAPPA INCONTRA IL CIOCCOLATO

Accade alle volte che la Grappa incontri il Cioccolato.
Quando succede, è l’estasi dei sensi.
Cinque cioccolati artigianali che prendono il nome di luoghi esotici come il Messico, il Venezuela, Caracas.
Gradazioni di cacao che si fondono alla perfezione con cinque splendide Grappe di casa nostra che rendono sublime un’esperienza che non è solo abbinamento.
Un’esperienza che rievoca i ricordi sopiti dalla frenesia della vita.
Sono gusti, profumi e sapori che si fondono alla perfezione.
Si chiama edonismo sfrenato.
E’ goduria assicurata.
 
Questi sono gli eventi che (tra i molti altri) organizza l’Associazione Assaggiatori Grappe e Acquaviti.
In fondo si tratta di Passione.
Passione Grappa.
 
Testo: Marco Zanoni
Foto: Davide Gaburro

 

Degustazioni, Eventi, Eventi & Degustazioni, news

CORSO ASSAGGIATORI DI PRIMO LIVELLO, ANAG VERONA

Pronti a partire per il nuovo Corso di primo livello per Assaggiatori di Grappe e Acquaviti.

La sezione di Verona molto attiva in questo primo scorcio di  2015 propone a tutti i futuri soci Anag un corso di cinque serate che si terrà presso il Ristorante Pizzeria Calidarium di Caldiero (Vr).

Iscrizioni aperte!

Tutte le info e i contatti li trovate sulla locandina.

Testo: Marco Zanoni

Degustazioni, Eventi, Eventi & Degustazioni

DI SERA, LE GRAPPE AROMATICHE CON ANAG VERONA

Un’altra splendida e spiritosa serata all’insegna della degustazione delle “Grappe Aromatiche”. Ospitati nell’accogliente sala dell’Enoteca Villafranca, coccolati da Natasha sempre sorridente padrona di casa, i soci di Anag Verona hanno potuto partecipare e approfondire le Grappe legate a doppio filo con i più conosciuti vitigni aromatici e semi-aromatici italiani.

L’ennesima e riuscitissima occasione per stare insieme, con la presenza assolutamente gradita delle Distillerie Bepi Tosolini e Roner che si sono spese direttamente facendoci degustare (tra gli altri) i loro rinomati prodotti.

Insomma…Esperimento riuscito!

L’invito ora è per il prossimo 14 aprile al Ristorante Calidarium di Caldiero dove la Grappa incontrerà il Cioccolato Artigianale.

Testo e Foto: Marco Zanoni

Eventi, Eventi & Degustazioni

ANAG NELLE SCUOLE

Un’esperienza incredibile quella provata all’Istituto Agrario “Stefani-Bentegodi” di Caldiero. La serata organizzata da Anag Verona ha visto l’incontro dell’Associazione Assaggiatori Grappa e Acquaviti con più di 30 studenti dei corsi serali.

L’incontro ha offerto l’occasione per presentare ai ragazzi l’Associazione, che conta una delegazione molto attiva in tutto il Veneto e nelle singole province, e il suo impegno per promuovere una “cultura del buon bere consapevole”, attenta alla qualità piuttosto che alla quantità.
“L’incontro all’Istituto Agrario di Caldiero – afferma Marco Zanoni, delegato Anag Verona – ha permesso di incontrare le giovani generazioni e di confrontarsi con loro, che sono un target delicato, sulla degustazione e la valorizzazione di prodotti di qualità e di eccellenza nazionale e regionale, quale la grappa. Nel corso della serata abbiamo presentato ai ragazzi  l’Associazione e le numerose attività che promuoviamo in tutto il Veneto e, per quanto ci riguarda a Verona, attraverso corsi per assaggiatori e altre occasioni per degustare i distillati in momenti di socializzazione e convivialità. Con questo spirito, stiamo organizzando il nuovo corso per assaggiatori di primo livello, forti del successo della prima esperienza chiusa poche settimane fa, e proporremo altre iniziative anche nei prossimi mesi. L’obiettivo di ogni appuntamento sarà sensibilizzare i consumatori e tutti gli appassionati verso una corretta ‘cultura del buon bere consapevole’ e far conoscere da vicino e in maniera crescente il mondo affascinante e sensoriale della grappa e di tutti gli altri distillati”.
Prossimo appuntamento dunque sarà la serata di presentazione al nuovo corso assaggiatori di primo livello il 31 marzo, sempre a Caldiero.