Cronache di Grappa, Interviste

AMARO TOSOLINI

Riprende il nostro viaggio nel mondo degli spiriti. E’ un ritorno a casa per noi, con Lisa Tosolini scopriamo oggi uno dei prodotti più particolari di questa rinomata distilleria.

Al buon Bepi le idee non mancavano di certo! Ecco allora l’amaro Tosolini, a base di acquavite d’uva. Un “rimedio simpatico” che fonde al suo interno prodotti tipici del vostro territorio. L’amaro Tosolini è un infuso artigianale di oltre 15 erbe Mediterranee preparato secondo l’antica ricetta del fondatore. l’Assenzio Marino, la Salicornia, il Limonio e il Finocchio marino sono solo alcune delle erbe utilizzate che vengono poi infuse in acquavite d’uva e purissima acqua delle Alpi Giulie. Prima di arrivare sulle tavole degli appassionati, l’Amaro Tosolini riposa per oltre 4 mesi nelle sue botti nei casoni delle Venezie, lì l’ambiente salino e la brezza del mare regalano la sua sfumatura unica e inconfondibile.

In che modo lo distillate? Le erbe vengono selezionate e macerate in tini di frassino ed acqua vite d’uva MOST, dopo di che vengono separate e distillate in alambicchi botanici. A rendere unico ed inconfondibile l’Amaro Tosolini è poi lo speciale invecchiamento in carati nelle Lagune delle Venezie.

L’ingrediente fondamentale oltre all’acquvite d’uva ovviamente, è il “santonego”.  Il Santonego o più comunemente chiamato Assenzio Marino, Artemisia, è una particolare pianta che vive ai bordi delle lagune delle Venezie. Se stropicciata emana un profumo aromatico, delicato ed avvolgente. Una volta veniva usata per aromatizzare le tisane per favorire la digestione.

C’è un rito particolare al quale si può abbinare questo prodotto?  Versarlo su due cubetti di ghiaccio in un bicchiere, aggiungere una scorza d’arancia e personalizzarlo con un’erba aromatica a piacere, ad esempio il basilico, per renderlo più fresco, o qualche scorza di zenzero per esaltare il suo lato più accattivante. La proposta di Bepi Tosolini come aperitivo: “Spritz Med” 40 prosecco,20 amaro,40 ginger ale, cubetti di ghiaccio. Provare per credere.

Gli appassionati potranno conoscerlo al prossimo Vinitaly? Ci troverete al Padiglione 6 Stand C5 dove vi accoglieremo con lo “Spritz Med“.

Non ci resta che augurarvi una buona degustazione. Come avrete capito, questo amaro  della Tosolini è davvero qualcosa di unico nel suo genere.

Testo: Marco Zanoni

Foto: Distilleria Bepi Tosolini

 

Previous Post Next Post

You Might Also Like

No Comments

Leave a Reply